.
Annunci online

houseofMaedhros
schizzi e scazzi di finanza e dintorni


Diario


2 aprile 2008

COSI' VIENE UCCISO UN BAMBINO IN ITALIA

E' proprio il caso di dirlo, a tutte le stronze sanguinarie, agli omuncoli atesticolati ed ai bastardi di razza, ai ginecologi radicalmente raccapriccianti ed ai paraguru della scccienzzza, ai nipotini di Stalin e figli di una troia che si differenziano dai nazisti solo perché amano il rosso, ai lottatori continui (e famiglia) che ancora non si tolgono dalle palle ed alle cariatidi mummificate assise sul trono di questa "grande conquista civile", ai libertari del cazzo ed a tutti i pezzi di merda che semplicemente se ne fottono:

                              G  I  U'       L  E      M  A  N  I       D  A  L  L  A       1  9  4  !!!!!


Piccola storia ignobile dell’ultimo giorno di un bambino di 14 settimane. E di come basti un maschio prepotente e un medico compiacente per interrompere in silenzio una gravidanza, violando due volte la legge 194

Giovedì di primo pomeriggio mi telefona il signor Mario, mi presenta la situazione difficile e critica di Rossana, quasi 19 anni e prenotata per un aborto la mattina dopo, venerdì. E’ alla quattordicesima settimana di gravidanza, quindi questo passerà come ‘aborto terapeutico’. Chiedo di poter parlare almeno al telefono con la ragazza. Rossana mi chiama, mi dice di non voler assolutamente avere questo figlio per le condizioni difficili in cui si trova. Vive in casa con il padre del bambino, che fa uso di stupefacenti e non vuole saperne, vuole assolutamente che lei interrompa la gravidanza. Lei ha un piccolo lavoro a tempo determinato. La sua famiglia non la sostiene affatto. Le offro subito tutto l’aiuto che possiamo: la possibilità di andare ad abitare in una piccola casa autogestita, con altre ragazze. E un sostegno economico, il solito poco-tanto che riusciamo a dare, trecento euro al mese per diciotto mesi e tutte le ‘solite cose’ di cui hanno bisogno una mamma e il suo bambino, pannolini compresi. Lei continua a farmi capire la difficoltà della sua situazione, dovuta certamente anche a una storia personale difficile. La invito per un colloquio: accetta titubante, ‘quasi’ volentieri. Ma mezz’ora dopo mi chiama ancora il signor Mario: Rossana non verrà, perché la sua datrice di lavoro non le permette di assentarsi. Domani andrà direttamente all’ospedale”.
Paola Bonzi delle donne che abortiscono si occupa da trent’anni, e adesso lo fa anche da candidata di “Aborto? No, Grazie”, ma la reazione è sempre la stessa, dolorosa. “Mi sento spettatrice di un aborto fuori legge, contro il quale sono completamente impotente. Continuo a pensarci, fino a quando mi risolvo a far contattare da un collaboratore il direttore sanitario dell’ospedale in cui Rossana si recherà, domani mattina, per chiedere che a questa ragazza venga data la possibilità di un colloquio con qualcuno in grado di valutare. I motivi della mia decisione sono chiari: certo, c’è il senso dell’ingiustizia della soppressione di una vita umana, e c’è la consapevolezza del dolore che questa ragazza dovrà sopportare dopo l’interruzione della sua gravidanza. Ma c’è anche la consapevolezza della violazione della legge 194”. E questo è un fatto. Perché Paola Bonzi, che è contro l’aborto, non la vuole abolire la 194, non questo le interessa. “Ma voglio che venga almeno applicata, questo sì. Che non venga aggirata, stravolta, violata. Come accade troppo spesso. Perché per abortire a quattordici settimane occorre un certificato di uno psicologo o di uno psichiatra, che faccia una diagnosi di un ‘grave pericolo’ per la ‘salute psichica o fisica della donna’. Io ho parlato, anche se solo per telefono, con questa ragazza e non ho risscontrato nessuno di questi motivi. Anzi, i suoi ragionamenti erano perfettamente consequenziali e la sua lucidità addirittura impressionante. Per questo ho chiesto al direttore sanitario che prima di farla abortire le si offrisse la possibilità di un colloquio che potesse valutare il ‘grave pericolo’ per la sua salute psichica o fisica”.
“Ho sperato, ma invano. Rossana ha abortito. Mi ha colpito una cosa che mi ha detto il signor Mario, il giorno dopo: ‘Non ho dormito tutta la notte, pensavo a quel bambino, ancora vivo, al caldo nell’utero di sua madre e che al mattino sarebbe stato spezzettato”. Ma c’è un’altra cosa che colpisce Paola Bonzi ed è che questo aborto, quest’ultimo giorno nella vita di un bambino mai nato, è uno dei tanti aborti indifferenti di un giorno come tanti. “E fatto illegalmente, due volte in violazione della legge 194. La prima, perché la legge dice che nessuna donna può essere fatta abortire per motivi di disagio sociale o economico, e questo è proprio il caso lampante. La seconda, perché dopo quattordici settimane per abortire serve la certificazione di un ‘grave rischio’ psichico o fisico, in questo caso il certificato è stato fornito diciamo quantomeno con leggerezza. E’ questa la società che vogliamo, per i nostri figli, la società dove vince la legge del più forte?”.
Il fatto è accaduto, finito, andato. Non ci sono sirene da chiamare, streghe da cacciare, nomi da identificare, privacy di una giovane donna (“che poveretta ha già la sua sofferenza”) da violare. Pure i nomi e le date sono fantasia. Non c’è niente di tutto l’armamentario allarmista anti-lista pazza che di solito i moralmente indifferenti scatenano. Ma è una piccola storia ignobile che bisognava raccontare. Per tutte quelle che accadono, uguali, e sono tante. E Paola Bonzi lo sa. E lo sanno anche gli indifferenti.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aborto

permalink | inviato da houseofMaedhros il 2/4/2008 alle 19:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia     marzo        maggio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Finanza
Saggi ed Analisi di Economia
Gestione Portafogli
Articolati
Fisiologia
Stati Avanzati di Depravazione
Filosofando

VAI A VEDERE

Ultimissime Di Bella
Ne Quid Nimis
Walking Class
Scribacchiature
InMinoranza
Fort
Zamax
Noise from Amerika


Date forza alla libertà di curarsi!
Quello che potete, se volete......

AIAN Modena
c/c n. 854632
B. Pop. Emilia Romagna - Ag. 5
ABI 5387  -  CAB 12905

COME DONARE IL 5 PER MILLE ALLA FONDAZIONE DI BELLA
Occorre, nella prossima dichiarazione dei redditi (Mod. 730 o Unico),apporre la propria firma nell`apposita sezione "Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni" ed indicare il codice fiscale 01995220355

In questo blog non si danno consigli, si pensa semplicemente ad alta voce.
Pertanto, qualunque decisione attuata in seguito alla lettura di tali pensieri rimane di responsabilità esclusiva di chi la pone in essere.
Ne deriva che se le cose vanno male non potete rompere l'anima, così come nulla è dovuto da parte vostra se vanno bene.



Link Utili

Linus Pauling Institute

Metodo Di Bella
What they don't tell you about AIDS

CERCA